Pokémon Oro e Argento [Spaceworld 1997]

Subito dopo il rilascio di Pokémon Blu, Game Freak, nel 1997, annunciò il rilascio di due nuovi titoli: Pokémon 2: Oro e Pokémon 2: Argento per il GameBoy (vennero portati nel GBC nel 1998). Il 15 Novembre del 1997 al Spaceworld fu possibile provare una versione giocabile della Demo di Oro e Argento, tuttavia era vietato fare foto durante l’evento (probabilmente già dai tempi erano stati scoperti dei bug). Il 26 Maggio del 2018 questa Demo è caduta nelle mani dell’internet ed è perfettamente giocabile.

Main features della Demo

  • 100 Pokémon, tra cui evoluzioni e pre-evoluzioni di Pokémon già esistenti o Pokémon mai rilasciati
  • Alcuni Pokémon sono rimasti immutati o sono stati mutati leggermente da questa demo al gioco finale
  • La mappa di Johto (ma sopratutto di Kanto) totalmente diversa
  • Retrocompatibilità con Rosso, Blu e Verde giapponesi
  • Select glitch ancora presente

Nonostante il gioco abbia la musica di Plumbeopoli, Zafferanopoli e Smeraldopoli per tutte le città, quella del Percorso 1 per tutti i Percorsi e quella dei Capipalestra di RBY per tutti gli incontri l’engine di gioco è molto vicina all’Engine della Seconda generazione, salvo per l’engine sonora.

Pokémon nuovi e mai rilasciati

Salvo Pokémon come Chikorita, Meganium e Skarmory, che hanno ricevuto pochi e nulli cambiamenti alla transizione del gioco finale, molti Pokémon avevano un aspetto leggermente diverso, come nel caso di Remoraid, Octillery, Girafarig. Altri Pokémon invece avevano un aspetto totalmente diverso alla transizione del gioco finale, come Blissey, Pichu, Igglybuff, Smochum e Cleffa. Alcuni Pokémon invece non sono mai stati utilizzati, come le evoluzioni di Ditto, Farfetch’d o le pre-evoluzioni di Doduo, Tangela o Growlithe. Alcuni Pokémon invece sono dei concept utilizzati per alcuni Pokémon di Quarta generazione, come un early Tangrowth, Leafeon, Lickilicky e Mime Jr.

Mappa

La mappa è totalmente diversa e già dagli screenshot dei tempi si potevano notare notevoli differenze. È possibile vedere la Kanto della Beta (notevolmente più piccola rispetto a quella della versione finale) prima che Iwata creasse il tool e comprimesse l’intera Kanto della Prima generazione. Nella parte più nord è presente una città innevata.

Scambi

Il gioco non rifiuta assolutamente gli scambi con i giochi Pokémon della Prima Generazione (purchè siano giapponesi) anche se non riesce a connettersi con le versioni finali dei giochi di Seconda. È possibile scambiare i Pokémon mai rilasciati per poterli vedere diventare dei Pokéglitch.

Select glitch

Nonostante il gioco fosse in sviluppo subito dopo Blu (e in contemporanea a Giallo) la build del Spaceworld ha ancora il Select glitch intatto, probabilmente i programmatori al tempo lo sapevano e hanno vietato qualunque tipo di foto durante l’evento per questo motivo.

Nonostante ci sia molto di più di cui parlare del prototipo di GS ho deciso di trattarne una piccola parte abbastanza basilare poichè non è di mio interesse parlarne in maniera dettaglia, tuttavia, a questo indirizzo, potrete approfondire molte parti di questa Demo rinvenuta nei giorni nostri.